giovedì 6 settembre 2007

Offese gratuite a Madre Teresa

Il 5 settembre 1997, dieci anni fa, si è spenta a Calcutta Madre Teresa, considerata da molti una santa.
A prescindere se abbia fatto miracoli o meno, la sua stessa vita sprigionava una bontà immensa, quasi come se San Francesco d'Assisi le avesse passato il testimone.
La sua vita infatti è stata sempre prodiga verso gli ultimi della Terra, quelli che non interessano a nessuno, in poche parole i disperati.
Cosa porta una donna, suora o laica che sia, a sacrificare la propria esistenza non per sé ma per gli altri?
E' difficile trovare una risposta perché sembra irrazionale per la natura dell'uomo che è sempre alla ricerca del benessere fisico e materiale.
Eppure...

Eppure c'è chi è riuscito a parlar male di questa icona mondiale.
Navigando su internet alla ricerca di qualche notizia interessante, mi sono imbattuto in un articolo dal titolo "In missione per conto del dio denaro" scritto sul blog "L'Orizzonte degli Eventi".
Incuriosito dal titolo, mi sono messo a leggere e non mi sarei mai aspettato tante offese gratuite nei confronti della suora di Calcutta.
L'autore, che si firma con lo pseudonimo "Lameduck", riporta la recensione di un famoso testo critico sulla "santa in pectore", che in pratica sostiene che Madre Teresa sia una sorta di approfittatrice che con la sua esposizione mediatica abbia goduto chissà di quali ricchezze e privilegi.
Il libro in questione è di Christopher Hitchens e si intitola "La posizione della Missionaria" (1997).
Hitchens sferra pesanti accuse tra cui quella di non aver costruito mai un ospedale né di aver curato i pazienti che vivevano in gravi condizioni igienico-sanitarie.
Ma vediamo come questa teoria sia stata riassunta in una recensione di RadioRadicale.it:

" "La Posizione della Missionaria" descrive e documenta i seguenti fatti:
1) Madre Teresa di Calcutta è stata amica di alcuni dei più corrotti ed efferati tiranni della sua epoca, da quelli "democraticamente eletti" come la Tatcher e Reagan, a veri e propri dittatori fascisti come quel grassone di Duvalier jr., aka Baby Doc di Haiti che ben ci ha raccontato JonathanDemme in "The Agronomist", o all’efferato Menghistu in Etiopia. Ma la lista delle cattive compagnie non finisce qui…;
2) Ha accettato somme miliardarie dai tanti ingenuoni e marpioni, di ogni paese, che pensavano così di alleviare le pene dei più miseri e anche i propri sensi di colpa per la provenienza illecita del denaro. Non ha mai restituito un soldo delle somme donatele da truffatori condannati;
3) Non ha mai voluto usare questi soldi per migliorare le condizioni di vita dei degenti nei suoi centri, ha sempre professato infatti un disprezzo per le cose materiali, che però pagavano i poveracci in termini di disagio. Non ha neanche mai voluto investire i soldi per creare efficienti strutture ospedaliere e per acquistare moderni strumenti di diagnosi o cura;
4) Conseguentemente la suora e i suoi centri accoglienza non hanno mai curato nessuno. Per Madre Teresa di Calcutta la sofferenza (altrui) era un dono divino e pertanto riteneva di dover assistere, più che combattere, il trapasso dei suoi sventurati ospiti. Uomini, donne e bambini sono stati lasciati nell’incuria, (ma lei se li è curati i suoi malanni, ed in cliniche di lusso!)e segretamente battezzati in punto di morte;
5) Direi che è scontato menzionare il suo rifiuto bigotto della modernità, la sua assoluta contrarietà ad aborto, (storico l’appello alle donne violentate di Bosnia a tenere i figli della violenza subita). Ma anche qui con possibili eccezioni "pro domo sua": Condanna del divorzio, ma approvazione espressa di quello del’"amica" Diana; contraccezione come sacrilegio, ma sodalizio con l’Indira Gandhi delle sterilizzazioni forzate delle donne indiane."

Cioè, Madre Teresa è criticabile perché ha assunto posizioni di rifiuto dell'aborto e del divorzio, ovvie in quanto suora Cattolica?
E' criticabile perché non si è preoccupata della provenienza dei suoi donatori, pensando solo alla destinazione buona in favore di chi ne aveva un bisogno vitale?
O forse non faceva neanche questo, ma anzi lasciava morire i lebbrosi, i tubercolosi e chi affetto da malattie cronache perché si ostinava a non aver preso una laurea in Medicina?

Una domanda semplice mi viene dal cuore da sottoporre a Hitchens:
Perché? Mi può dire il perché?
Perché fino all'ultimo una minuta vecchietta, piena di rughe, con una clavicola rotta e dopo aver subito anche un infarto, ha aiutato cocciutamente il prossimo?
Per egoismo? Per egocentrismo? Per fanatismo?
Crede veramente in questo?

Madre Teresa è stata in luoghi e a contatto con persone con le quali Lei probabilmente non si sarebbe mai accostato.
E' troppo facile criticare così violentemente passando probabilmente per un fiero anticonformista, laico e difensore dei valori illuministi.
Si può essere anticonformisti, laici e illuministi convinti, ma obiettivi nei confronti di un essere del genere.
Mi ci metto anche io ma... Noi cosa facciamo per il prossimo?

Madre Teresa sta nei cuori di tutti quelli che l'hanno conosciuta direttamente e indirettamente.
Quando ancora non era nota ai più, un grande scrittore, l'ateo e comunista
Pier Paolo Pasolini, scrisse nel lontano 1960, in seguito ad un viaggio fatto in India, queste parole che ho avuto il piacere di leggere anche su Wikipedia:

« Ho conosciuto dei religiosi cattolici. E devo dire che mai lo spirito di Cristo mi è parso così vivido e dolce; un trapianto splendidamente riuscito. A Calcutta, Moravia, la Morante e io siamo andati a conoscere Suor Teresa, una suora che si dedica ai lebbrosi. (...) Suor Teresa è una donna anziana, bruna di pelle perché è albanese, alta, asciutta, con due mascelle quasi virili e l'occhio dolce, che, dove guarda, "vede". Assomiglia in modo impressionante a una famosa Sant'Anna di Michelangelo: e ha nei tratti impressa la bontà vera, quella descritta da Proust nella vecchia serva Francesca: la bontà senza aloni sentimentali, senza attese, tranquilla e tranquillizzante, potentemente pratica »

La sua "bontà senza aloni sentimentali, senza attese, tranquilla e tranquillizzante, potentemente pratica" era la cosa che la distingueva, la forza che sprigionava la sua presenza.
Mio padre ha avuto il piacere di conoscerla quando ha fatto volontariato in Vaticano.
Madre Teresa era come la descrivevano, con una forza pazzesca, adorata in modo frenetico dai suoi più grandi sostenitori, i "senzatetto" e i malati.

La Sua profondità d'animo a mio avviso è ber riassunta in una sua bellissima poesia, "Il meglio di te":

L'uomo è irragionevole,
illogico, egocentrico:
non importa, amalo.

Se realizzi i tuoi obiettivi,
incontrerai chi ti ostacola:
non importa, realizzali.

L'onestà e la sincerità
ti rendono vulnerabile:
non importa, sii onesto e sincero.

La gente che hai aiutato
forse non te ne sarà grata:
non importa, aiutala.

Se fai il bene, diranno che lo fai
per secondi fini egoistici:
non importa, fa il bene.

Il bene che fai forse
domani verrà dimenticato:
non importa, fa il bene.

Quello che hai costruito
può essere distrutto:
non importa, costruisci.

Da' al mondo il meglio di te,
e forse sarai preso a pedate:
non importa, da' il meglio di te.

Alla fine dell'articolo che è stata la causa di questa discussione, Lameduck fa della facile ironia scrivendo:

"In una delle ultime lettere, recentemente pubblicate, la suora scriveva: "Cerco Cristo ma non lo trovo".
Càpita, a guardare solo i soldi."

A tal proposito, non c'è migliore risposta che quella data da un certo "ylex":

"[...] credo che se non riuscisse a sentire più la voce di Cristo è forse perché gli aveva già detto molto ed ella si stava attenendo proprio a quello ....cmq lascia che riposi in pace..."

Sono molti in Vaticano che dovrebbero seguire l'esempio della suorina, invece di parlare solo sui pulpiti...
Comunque, per chiudere in modo più leggero, Jovanotti e io la pensiamo allo stesso modo quando in "Penso Positivo" dice:

"[...]Io credo che a questo mondo esista solo una grande chiesa che parte da CHE GUEVARA e arriva fino a MADRE TERESA
passando da MALCOM X attraverso GANDHI e SAN PATRIGNANO arriva da un prete in periferia che va avanti nonostante il Vaticano [...]"

Vediamoci allora il video di questa divertentissima canzone:


8 commenti:

Anonimo ha detto...

Capisco che a voi cristiani viene insegnato di avere la verità rivelata, e che quindi quando qualcuno vi fa notare che non è così e che il resto del mondo la pensa diversamente voi vi sentiate in diritto di inalberarfi mostrando il vostro vero piumaggio di monoteisti mediorientali intolleranti non poi diversi dai kamikaze di al qaeda.
Il suo delirante post non smentisce e nemmeno confuta le tesi di Hitchens.

Lameduck ha detto...

Caro Tonetti,
mi aspettavo le critiche e per questo, oltre al libro di Hitchens, ho cercato altre testimonianze delle perplessità che questa figura di "santa" sollevava. In un post successivo ho citato testimonianze di medici che denunciavano l'assenza di forti analgesici in strutture sanitarie di Madre Teresa che avevano in carico persone affette da cancri terminali. Vi sono riportate denunce di come gli aghi venissero "sterilizzati" solo con acqua, dell'assenza di apparecchiature all'avanguardia per la diagnostica e la terapia.
Tutto ciò, dimostrato da svariate fonti, si aggiunge all'interrogativo su come siano stati impiegati i miliardi di dollari raccolti dall'Ordine, che si è sempre rifiutato di produrre i suoi bilanci. Se ha pazienza legga questo articolo di Bianca Cerri.
Avere dubbi non è peccato. Madre Teresa era un'affascinatrice. Personalmente ritengo che l'impressione di un poeta, pur grande, non può rappresentare
il giudizio definitivo su una personalità che presenta molti lati controversi.
Su Padre Pio, tanto per citare un altro santo celebre, vi fu una campagna per certi versi vergognosa del Vaticano che lo trattava da isterico, da millantatore, da stregone. Se lo avesse fatto un giornalista inglese avremmo gridato alla bestemmia?
saluti.

Giovanni Tonetti ha detto...

Cara Lameduck,
l'articolo che mi hai segnalato è interessante. Mi domando come mai non si sia alzato un polverone mondiale se le testimonianze erano così documentate. In fondo non vedo nei media una ritrosia nell'attaccare la Chiesa. Ricordo ad esempio il famoso servizio della BBC sullo scandalo dei preti pedofili difesi dal Vaticano, cosa che non ho perso tempo a segnalare sul mio sito.
Per questo non capisco come l'"anonimo" abbia potuto definirmi un monoteista mediorientale intollerante non diverso dai kamikaze di al queda. All'intolleranza di certi ferventi cattolici si risponde con l'intolleranza e snobbismo laico, o meglio, laicista?

Detto questo, mi farebbe piacere Lameduck se tu riuscissi a trovare il servizio del fotografo e regista britannico Donald McIntyre mandato in onda il primo agosto 2005 sulla BBC. Se fosse vero, bisogna assolutamente denunciarlo e vedere se è un fatto sporadico o se anche altre case della Misericordia siano in simili condizioni.

Tuttavia, non credo che il mondo senza Madre Terese sarebbe stato un mondo migliore...

Ciao

Anonimo ha detto...

Caro Tonetti, la informo che quando a Hitchens hanno chiesto le prove delle calunnie che riversava su Madre Teresa, ha riposto candidamente che non ne aveva...

kame ha detto...

A me tutti quelli che parlano in nome o per conto di Dio, di qualunque religione si professino, non piacciono, tutto qui. Se qualcuno dedica il proprio tempo a fare cose buone è ammirevole, dietro qualunque ispirazione compia ciò. Madre teresa non mi ispirava simpatia, anche perchè seguiva la Chiesa cattolica che ritengo una delle cause di maggiori sventure che all'umanità siano accadute (sembra però che faccia parte dell'uomo o di alcuni uomini affidarsi alle fantasie di altri). Ho letto Hitchens e mi aspettavo qualcosa di meglio,o qualche "rivelazione", sarà che mi pareva già evidente il tipo di donna con cui si aveva a che fare, ammirevole per alcune cose realizzate, molto meno per altre.

Anonimo ha detto...

Quali e quanti sono gli ospedali aperti da madre Teresa nel mondo ed in India? Quanti sono stati costruiti con i tantissimi soldi delle donazioni?
Io ho visto sempre dei depositi con gente ammalata buttata per terra non certo strutture sanitarie adeguate.
Inoltre nei vari documentari su madre Teresa non ho mai visto accanto a lei medici competenti,
solo suore del suo ordine che in realtà non so neanche che preparazione medica potessero avere.Io ho solo visto lei che passava e abbracciava tutti.Inoltre non mi risulta che quando è stata male sia stata ricoverata nelle sue strutture sanitarie indiane e non. Inoltre all'interno dei loro conventi che strutture mettono a disposizione per aiutare il prossimo? Io so addirittura che molti conventi sono stati donati. Dunque dove sono andati a finire quel fiume di soldi da lei raccolti?
Le mie sono solo domande e forse lei che è un uomo di cultura/cattolico potrà fornirmi con i fatti e non con le parole qualche risposta a tal proposito.

Bel'umet ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Tonetti, lasciali perdere. Ognuno trova il proprio modo per sfogare la propria bile e le proprie frustrazioni... e c'è chi cerca un po' di notorietà, come Hitchens, provando ad infangare icone mondiali.
Guardandosi bene dal farlo mentre la religiosa era in vita.
Ci sono centinaia di testimonianze, di giornalisti, fotografi, semplici curiosi, in molti casi atei che hanno speso del tempo nei centri di Madre Teresa e ne sono usciti fuori profondamente colpiti e commossi per l'umanità, l'amore e la devozione della suora e delle sue consorelle verso il prossimo.
Tutto il resto è noia.... come direbbe il Califfo.