venerdì 15 maggio 2009

"Informare per Resistere": dalle 21 in diretta streaming

Questa sera in diretta streaming verrà trasmesso dalle 21 l'evento "Informare per Resistere".
Da Palermo, in piazza Francesco Crispi, interverranno Sonia Alfano, Luigi De Magistris, Gioacchino Genchi, Beppe Grillo e Antonio Di Pietro.
Per seguire l'evento basta cliccare sull'immagine all'inizio del post.

Se potete vi consiglio di seguirlo perché sicuramente gli interventi vi daranno molti spunti di riflessione e vi daranno delle informazioni che spesso vengono sottaciute dai media ufficiali.

Qui di seguito vi riporto il post dove si annuncia la diretta di questo evento attraverso internet. Il post si intitola "La differenza tra la crisi mondiale e quella nostrana" ed è scritto da Antonio Di Pietro sul suo blog:

"Nei primi tre mesi del 2009 il prodotto interno lordo (Pil) dell'Italia ha subito una variazione su base annua pari a -5,9%. Per il governo non c’è problema, era tutto calcolato, e poi la crisi è mondiale e quindi “mal comune mezzo gaudio”. Qualcuno ha perfino detto “c'è un rallentamento del peggioramento”, sofismi difficili da raccontare alle migliaia di lavoratori che hanno perso il lavoro e che lo perderanno da qui a fine anno.

Il governo ha gestito male la crisi con manovre tardive, inefficaci che spesso hanno anche aggravato la situazione. Se chiedessi ad un cittadino:“mi dica cosa ha fatto questo governo per metterle dei soldi in tasca?” Più della social card non credo saprebbe rispondermi, ..ignorando tra l’altro che l’ha avuta un cittadino su tre degli aventi diritto!

Il governo non si è occupato di crisi economica ma di bavaglio alla giustizia, diintercettazioni, di lodo-salvapremier, di ronde, di Impregilo, di Eni, di Cai, diRaiset e di altre vicende private e parapubbliche che nulla hanno a che fare con il benessere dei cittadini.

E’ vero, la crisi è mondiale, ma gli altri Paesi all’uscita dal tunnel troveranno le energie rinnovabili, un’industria risanata, un sistema finanziario concorrenziale e sotto controllo, nuove relazioni internazionali, e nuove opportunità di una nuova economia. L’Italia, invece, si ritroverà il nucleare di Berlusconi, decine di inceneritori, unterritorio cementificato dal partito dei costruttori, un’economia in mano ad un clan affaristico molto ristretto ed un sistema bancario pressoché monopolistico, in un Paese dove mancheranno i più basilari diritti umani e libertà democratiche. E’ qui la differenza tra la crisi mondiale e la crisi nostrana.

Questa sera, alle 21:00, dal blog trasmetterò la diretta streaming da Palermo: “Informare per resistere” , manifestazione a cui parteciperò insieme a Sonia Alfano, Beppe Grillo, Giocchino Genchi e Luigi De Magistris"

1 commenti:

xoen ha detto...

Io c'ero, bellissima serata e grandissimo Di pietro!