lunedì 4 maggio 2009

Berlusconi: chi lo conosce meglio lo evita

                (fonte: dagospia.com)


Già so quello che diranno molti che leggeranno questo post: il solito militante di sinistra che si appiglia pure a un fatto privato pur di criticare Berlusconi...
NO, NON E' SOLO UN FATTO PRIVATO!
La notizia sulla richiesta di divorzio da parte di Veronica Lario è pubblica!
Come erano pubbliche tutte le foto e i servizi giornalistici che mostravano Berlusconi insieme alla sua bellissima famiglia, spot pubblicitari per ritrarre il nostro premier oltre che come grande imprenditore e politico, anche come uomo attaccato alla famiglia e buon padre che non fa mancare nulla ai suoi figli.

Come ha detto Mario Adinolfi, membro della direzione nazionale del Pd (questo non è essenziale, riporto la citazione solo perché condivido quello che dice): "Il divorzio di Berlusconi è una questione politica. Il presidente del Consiglio è accusato dalla persona che lo conosce meglio di essere un uomo che non sta bene, che va con le minorenni, un imperatore che in realtà è un uomo di cartapesta agli occhi di chi gli è stato vicino per trent'anni"

Tra l'altro le accuse di Veronica Lario sono gravissime: "Non posso stare con un uomo che frequenta le minorenni". Queste non sono parole che possono passare inosservate!
La moglie si riferisce sicuramente a quando, martedì 28 aprile, legge su "la Repubblica" che suo marito nella notte di domenica si presenta a sorpresa in una villetta di Casoria dove Noemi Letizia festeggia i suoi 18 anni. Questa ragazza, che studia grafica pubblicitaria a Portici, sogna di lavorare in televisione e avrebbe inviato il suo "book" fotografico direttamente al Cavaliere. Noemi si rivolge a Berlusconi chiamandolo "papi" e dice che spesso lo va a trovare a Roma e Milano "perché lui, poverino, lavora molto e non può sempre venire a Napoli".
Per i suoi 18 anni "papi" le ha regalato una collana d'oro giallo e bianco con pendenti di brillanti. C'è anche chi sostiene che le abbia dato in regalo delle chiavi di una macchina, ma la stessa Noemi smentisce.

Ecco qual è stata la reazione di Veronica Lario dopo questa notizia:



Veronica Lario faceva riferimento anche alla polemica sulle "veline" pronte ad essere candidate nel Pdl per un seggio nell'europarlamento: questo metodo lo definiva "ciarpame politico" .

Chiudo con le parole di Veronica raccontate ad un'amica, parole che da sole danno il senso a tutta questa vicenda:

"Mi domando in che paese viviamo, come sia possibile accettare un metodo politico come quello che si è cercato di utilizzare per la composizione delle liste elettorali del centrodestra e come bastino due mie dichiarazioni a generare un immediato dietrofront. Io ho fatto del mio meglio, tutto ciò che ho creduto possibile. Ho cercato di aiutare mio marito, ho implorato coloro che gli stanno accanto di fare altrettanto, come si farebbe con una persona che non sta bene. È stato tutto inutile. Credevo avessero capito, mi sono sbagliata. Adesso dico basta".

1 commenti:

Tuya ha detto...

a me invece la dichiarazione di adinolfi è sembrata di uno squallore infinito... in un'italia bacchettona e moralista ci sta che possa influire più la questione "papi" che altro per una "gogna mediatica" a Berlusconi con il rischio che la sua popolarità andrà alle stelle dopo questo divorzio.
Il paese ha quello che si merita: un ultrasettantenne demente senile a caccia di diciottenni e un rincoglionito colpito da emiparesi cerebrale al proprio vertice.